Recensioni

Terre Rare – Recensione

51bpAVcRamL._SX366_BO1,204,203,200_Titolo: Terre rare

Autore: Sandro Veronesi

Casa Editrice: Bompiani

Genere: Romanzo

Pagine: 407

Sandro Veronesi è nato a Firenze nel 1959. È laureato in architettura. Tra le sue opere più celebri troviamo : “Per dove parte questo treno allegro (1988)”, “Live (1996)”,   “La forza del passato (2000)” ,con cui ha vinto il premio : “Viareggio L. Rapaci e il premio Campiello, e “Caos Calmo“,   tradotto in 20 paesi e vincitore nel 2006 del Premio Strega.

Ha collaborato con numerosi quotidiani e riviste letterarie. Attualmente collabora con “Il Corriere della Sera” e con “La Gazzetta dello Sport”. Ha cinque figli e vive tra Prato e Roma.

foto-Veronesi-sandro


Trama:

Nel giro di Ventiquattr’ore un uomo perde il controllo della propria vita: fa un grave errore sul lavoro, gli viene sequestrata la patente, trova l’ufficio sigillato dalla Finanza, scopre che il suo socio è fuggito lasciandolo nei guai, rompe definitivamente con la sua compagna- e nel frattempo sua figlia è scappata di casa. Credendosi braccato, fugge a sua volta, alla cieca, ma lo sfacelo cui si è di colpo ridotta la sua vita, man mano che egli lo affronta, si rivela sempre più chiaramente un approdo fatale e familiare – secondo una mappa interiore che era stata tenacemente rimossa. Quest’uomo è Pietro Paladini, l’eroe immobile di “Caos Calmo” , che nove anni dopo ritroviamo nella situazione opposta, roso dall’ansia e senza più un post dove stare, costretto a vagare alla ricerca di quella pace improvvisamente perduta, o meglio – e questa sarà la sua scoperta – mai veramente avuta. La rimozione, la fuga, la famiglia che si disgrega, il confuso declino Dell’Occidente, lo sforzo tragicomico di restare onesti in un tempo che spinge continuamente verso l’illegalità – e poi, di colpo, la verità. Alla fine di “ Caos Calmo” Paladini rispondeva a un celebre verso di Dylan Thomas affermando che “la palla che lanciamo giocando nel parco è tornata giù da un pezzo. Dobbiamo smettere di aspettarla”. Si sbagliava, la palla era ancora per aria. Torna giù ora in “Terre Rare”.


Citazioni

“Io non credo che le persone sappiano esattamente come si sentono”.


Opinione personale:

Ho il piacere di presentarvi il sequel di “Caos Calmo”, “Terre Rare”.

Premetto che non ho mai letto il libro sopracitato ma Terre Rare mi ricorda non per la sua trama bensì per la sua struttura, la trilogia di Zafon che molti di voi ricorderanno in quanto i libri in questione pur facendo parte di una trilogia possono essere letti anche separatamente e in ordine sparso poiché raccontano storie collegate tra loro ma pur sempre autonome. Terre rare è scritto con la stessa modalità e tecnica, si legge fluidamente pur non avendo letto il suo predecessore in quanto la vita del protagonista viene raccontata attraverso un complesso intreccio di vicende e flashback che si collegano al precedentemente citato “Caos Calmo” senza dei quali sarebbe impossibile poter comprendere fino in fondo la vita di Paladini e le varie pieghe che nel corso della storia assumerà.

Il romanzo è un’illustrazione grafica della vita e di come essa sia in grado mutare, stravolgere e al contempo stravolgere te stesso e tutto ciò che ci circonda. Pensiamo di avere tutto in pugno, ci illudiamo che tutto vada bene perché è più semplice fingere quando in realtà i problemi iniziano ad accumularsi e a diventare sempre più grandi fin quando a furia di ignorarli crescono talmente tanto che si impongono in tutta la loro maestosità nella nostra vita costringendoci ad aprire gli occhi, ad affrontarli e a tentare per quanto difficile possa essere ,di trovare una soluzione.

DSC_2776.jpg

Più vado avanti e più mi accorgo che la vita è straordinaria proprio perché non si sa mai cosi ci si dovrebbe aspettare, riesce a coccolarci ma può anche tirarci un pugno in pieno viso quando meno ce lo aspettiamo. Ipocriti lo siamo un po’ tutti, è la natura umana, si tende a fidarsi della gente sbagliata, a credere di sapere cosa si vuole , dove si vuole arrivare, chi si vuole essere e cosa si prova o si dovrebbe  provare. Pensiamo di conoscere chi ci sta intorno o di conoscere noi stessi ma la vita e la storia insegnano che siamo umani e proprio per questo vivremo sempre in una condizione di instabilità e di incertezza.

“Terre rare” insegna che i problemi sono una realtà che bisogna accettare ma l’importante è trovare la forza di risolverli e andare avanti. Le ricadute così come le crisi ci sono e ci saranno sempre, è importante però tenere a mente che per ogni ricaduta ci sarà sempre un momento costruttivo della nostra vita che ci aiuterà a comprendere e ad andare avanti tentando di essere uomini o donne migliori di ciò che credevamo di essere.

Stile: 8/10

Contenuto: 8/10

Piacevolezza: 8/10

Voto complessivo: 8/10.

Consu

Annunci
Recensioni

La Scordanza – Recensione

51lqiZqJJALTitolo: La Scordanza

Autore: Dora Albanese

Casa Editrice: Rizzoli

Genere: Narrativa Contemporanea

Pagine: 240

Prezzo: 19,00€

Dora Albanese (1985) è nata a Matera ma vive a Roma. Da anni collabora con Rai Uno. Nel 2009 ha pubblicato la raccolta di racconti “Non dire madre”. Questo è il suo primo romanzo.

ALBANESE Dora, writer
photo: © BASSO CANNARSA


Trama:

A Muggera, un piccolo paese della Basilicata, il mondo sembra essersi fermato: le donne alternano le preghiere del rosario alle formule per scacciare il malocchio; gli uomini sono pronti a uccidere per uno sguardo di troppo; nel bosco, nascoste tra i calanchi, le fattucchiere preparano filtri d’amore. E poi c’è un ruscello, una “fiumara”, che per chi l’attraversa segna il confine invisibile tra dentro e fuori, tra vita e morte, tra ricordo e dimenticanza. Caterina sogna di oltrepassare quel ruscello, raggiungere l’altra riva e lasciarsi tutto alle spalle: è troppo bella, troppo giovane, per restare in un posto senza futuro. Ma a casa ha una famiglia che l’aspetta – un marito, una madre anziana, due bambini piccoli. Quale donna, al suo posto, avrebbe il cuore di abbandonarli? Caterina non sa rispondere a questa domanda, finché non incontra Nadir. Un uomo brutale, selvaggio, che vive da solo tra i sassi senza acqua né elettricità; un uomo che non ha nulla da offrirle, se non l’occasione di invertire il passo e fuggire. È così che inizia questa storia, con una fuga. Perché soltanto fuggendo si può scoprire cosa resta di una persona quando sceglie di recidere tutti i legami della sua vita. Quello raccontato da Dora Albanese è un Sud feroce e contraddittorio, impastato di magia oscura. E lei ci tende la mano per rivelarne i segreti, regalandoci un romanzo intenso, viscerale, che si interroga sul senso più profondo della femminilità.


Citazioni:

“La storia della fiumara della scordanza. Le sarte di Muggera, compresa sua nonna, la conoscevano bene. (…) Accadeva che le donne più anziane, quelle che si sentivano prossime alla morte, si recassero dalla loro sarta di fiducia con la stoffa nera avvolta su di un cartone. (…) Se le misure erano esatte, il fantasma della morta oltrepassava il ruscello e di colpo dimenticava tutto della sua vita terrena, la sua anima si purificava nella pace eterna; se invece le misure erano state calcolate male, il fantasma non riusciva ad aprire il passo né ad attraversare il ruscello: a quel punto era costretto a tornare indietro, sulla terra, e qualche volta infastidiva la sarta che gli aveva combinato il guaio.”


Opinione Personale:

La scordanza”, esordio letterario di Dora Albanese, è ambientato in Basilicata, terra di solide tradizioni letterarie e musa ispiratrice del celebre Carlo Levi proprio per la sua bellezza dolente intimamente connessa a una dimensione etica ed esistenziale. È proprio questa “Bellezza Dolente” che viene descritta nell’immaginaria Muggera, a fare da background a “La Scordanza” che narra di questo borgo lontano dai riflettori, schivato dalla modernità, indurito da relazioni che poggia sull’antico connubio fra la pietra e i boschi, nei lontani anni 80.

Basilicata-Travel-Free-From-1.jpg

Ne “La Scordanza” viene narrato un intrigo familiare che presenta i drammi di tre generazioni di donne : madre, figlia e, successivamente nipote; triade percorsa da un forte tremito interiore.

Fra le tre, spicca la figura di Caterina, bella, fragile e svergognata donna con la sola sfortuna di avere avuto in dote occhi che attirano sguardi indiscreti e vogliosi. Il sangue rappresenta l’unico laccio capace di tenere insieme la sua famiglia; sangue mischiato al senso di colpa del marito Antonio fin troppo violento, e alle lacrime del figlio Eustachio, che più volte l’avrebbe voluta difendere e troppe volte si era ritrovato inerme di fronte al dolore della madre, e allo sguardo indagatore della madre di Caterina, Eufemia.

La violenza domestica è il riflesso di un “Sud che piangeva e taceva, gridava e nascondeva e che tendeva al buio della costrizione famigliare anche se tutt’intorno splendeva il sole”.

Caterina stanca della violenza gratuita di cui è vittima silente, si ribella, costringendo se stessa alla fuga e a una serie di dolorose rinunce. Abbandona così i figli; Eustachio e il piccolo Francesco non ancora svezzato ,e accetta la lusinga della passione per traversare la fiumara della scordanza, quella morte simbolica che nel rito tramandato dalle sarte di Muggera era metafora di rinascita e rinuncia in quanto attraversare il ruscello equivaleva a dimenticare la vita passata. Finisce invece tra le braccia di un altro poveraccio che si rivela presto orco quanto il marito che concepisce l’amore solo ed esclusivamente come vendetta della vita. Eufemia e Eustachio sublimano il dolore nella malattia, la famiglia si arrende così all’infausto destino.

Fiume_Fiume.JPG

Dora Albanese concentra la propria indagine personale sulla differenza tra femminilità e maternità, separando nettamente e in modo quasi scandaloso i due aspetti.  Caterina frantuma la propria identificazione di sessualità intesa solo ed esclusivamente come metodo riproduttivo e non come  fonte di piacere, in quanto ella stessa risulta “colpevole” di voler essere svuotata da ogni responsabilità materna. Caterina scoperchia così il tabù di Medea: si può abbandonare un figlio e tuttavia continuare ad amarlo? Si può essere madre pur sentendosi figlia del proprio figlio? Questo stesso problema affligge e causa inquietudine e tristezza alle povere  donne di Muggera: ingabbiate dalla propria maternità che diventa cemento, piombo.. che impedisce loro di essere libere e di spiccare il volo, riducendole alla loro unica condizione di madri, sempre e solo madri e mai donne, con tutto ciò che l’essere donna comporta.

Il sogno purificatore di Caterina s’infrange contro questi dilemmi annidati nell’angolo più oscuro dell’animo umano, e il bello della Scordanza è che non ci propone alcuna via di uscita ma che al contrario,  con veridicità e crudeltà, racconta di una vita in cui il coraggio di ribellarsi a una società basata sull’ignoranza, la sottomissione e la paura, porta con sé il tormento di aver rovinato per sempre i propri figli. E che viceversa la forza di sopportare, stando a guardare la propria vita e quella dei propri cari sgretolarsi come castelli di sabbia sotto il pugno di un marito violento o della vita troppo crudele, si accompagna da secoli a rimpianti e continui sensi di colpa.

La scordanza è un romanzo poco rassicurante e veritiero . Il ritmo narrativo risulta a tratti piacevole e delicato, a tratti violento . I suoi tabù sono costantemente fra noi, del resto gli orchi non vivono solo nelle grotte scavate nelle pietre ma si possono trovare negli uffici e nelle scuole, nei camerini, nei salotti delle famiglie. Il clima pesante e cupo è stemperato dagli antidoti di Dora Albanese che contro la crudeltà ci presenta Veronica, la ragazza dalle “lacrime guardanti” il cui amore per la nonna rappresenta l’unica vera alleanza pura e autentica priva di ogni tornaconto.

Il primogenito di Caterina, Eustachio, è un personaggio che ho ammirato tanto all’interno della storia. È un ragazzo giovane ,sensibile e intuitivo che prova in tutti i modi a evitare l’inevitabile ; la rottura dei suoi genitori. Veglia su di loro ogni notte, si intrufola nella loro stanza e controlla il respiro di entrambi arrivando ad essere uomo nella sua fanciullezza e genitore prima ancora di essere figlio. Questo è un tema molto caro a me e alla società odierna; la necessità di fronte a determinate situazioni che ci pone la vita, di abbandonare la nostra fanciullezza e abbracciare il mondo degli adulti per diventare Genitori di coloro che ci hanno messo al mondo e che negli anni si sono trasformati sempre di più in figli da accudire e proteggere.

Fra i temi trattati all’interno de “La Scordanza”, principale appare quello della disgregazione familiare che si tramuta nella disperazione di Eustachio che arriverà a mettere a rischio la sua salute; continua ricerca da parte del marito nel tentativo di riportare a casa Caterina, e in un certo qual senso anche fuga da parte di Eufemia, madre di Caterina, che si ritrova costretta a dover lasciare il nipote minore, Francesco, alle cure di quella che da zia si farà presto chiamare “ziamamma”. Un gesto semplice, una fuga da una realtà uggiosa e pesante, un gesto d’egoismo che fa sì che la famiglia, come un corpo intero, si disgreghi in tante cellule impazzite, un po’ come un cancro che continua ad espandersi senza sosta.

Ma se la fuga è certamente il tema centrale del libro, in netto scontro con il senso di responsabilità, questa si inserisce in una visione più generale sui rapporti umani. I personaggi di Dora Albanese si sbranano, che sia per passione o per odio: non vi sono vie di mezzo, né scambi di vedute pacate. Tutto è intensamente concreto, gli abbracci sono forti fino a far male, i dialoghi si colorano di ciò che Caterina ha sempre ritenuto tabù.

Con un linguaggio deciso, privo di tentennamenti, che si fa spesso espressionistico, Dora Albanese per il suo esordio narrativo sceglie un lessico vorace di sensazioni, specialmente quelle tattili; la brutalità è solo in parte tenuta a bada dalla patina di tradizione che trasuda dalle diverse pagine dedicate al paesino di Muggera. E si delinea così, con tratti decisi, un romanzo familiare in cui una madre mette in crisi il richiamo materno per dare voce al suo malcontento, alla sua auto-denigrazione, al suo bisogno di svolte, a qualunque costo. Si rischia di odiarla, Caterina. Ma forse è solo una donna che tradisce continuamente ciò che dovrebbe essere, per di non tradire ciò che è e pur di non rinnegare se stessa.

La scordanza di Dora Albanese profuma di Sud, dei suoi odori intensi, delle sue magie, di vita dura, di passioni violente, di un tempo arretrato, immobile, sempre uguale a se stesso.

A Muggera la tradizione vuole la donna umile e sottomessa, paziente sposa in attesa muta e circostanziata, la sopportazione è la normalità. L’aria che si respira per tutto il romanzo è asfittica, immobile e soffocante, per cui l’incontro con Nadir, un tunisino in guerra totale e continua con il mondo intero ,appare come una liberazione, una ventata d’aria fresca.  Nasce così un nuovo amore violento e mai sazio. Un amore totale e passionale che offusca la ragione. Così Caterina abbandona marito e figli, pentendosene amaramente in seguito.

Caterina è una donna in fuga e in lotta contro il mondo ,alla continua ricerca ed affermazione di se stessa, che non esita a tradire tutto e tutti. Il percorso di formazione che la porterà all’affermazione di sé, lascia  sul campo di battaglia vittime innocenti e prive di malizia; i figli Eustachio e Francesco, la sua stessa madre Eufemia, che si rivela, in fondo, personaggio orgoglioso ma di grande forza umanitaria, di morale e di grande animo che risulta essere una  donna d’altri tempi ,saldata fortemente agli ideali e ai valori del passato, non esita a curare il nipote, paralizzato dalla fuga materna, e si assume tutto il peso delle proprie e altrui responsabilità.

Un romanzo familiare che parla di una madre che discute con il richiamo materno, per dare voce al suo malcontento, alla sua insoddisfazione, alla sua auto-denigrazione. La violenza è resa con un linguaggio fine e privo di fronzoli, di una brutalità che sconvolge.

“La Scordanza” è  un romanzo molto forte e struggente, che porta il lettore ad una vera e propria lotta interiore. Vi ritroverete a comprendere  profondamente Caterina e la sua voglia di libertà, il suo volere essere donna prima che moglie e madre, ma al tempo stesso vi indignerete di fronte all’atto di abbandono delle povere anime innocenti di Eustachio, che più di tutti ne soffrirà, e Francesco.

Un libro ricco di personaggi dalle mille sfaccettature, di risvolti inaspettati, di sofferenza ed emozioni profonde capace di coinvolgere il lettore e portarlo ad interrogarsi sui legami che caratterizzano la propria vita e sull’importanza che rivestono.

Dora Albanese descrive con veridicità  la vita dei piccoli paesi dell’Italia degli anni 70, dipingendone colori, sfumature, preconcetti e mentalità estremamente  chiuse e conservatrici rispetto alla quotidianità a cui siamo abituati.

Dora Albanese Presents "La Scordanza" - Debut Novel Presentation

Uno dei romanzi familiari più complessi e assolutamente coinvolgente degli ultimi anni. In duecento pagine, con maestria, scorrevolezza e sentimento, l’autrice rapisce il lettore che difficilmente si ritroverà estraneo  alle vicende e lotterà per proteggere e garantire a ciascun personaggio, il futuro che merita.

Stile: 8/10

Contenuto:8/10

Piacevolezza: 8/10

Voto complessivo: 8/10

Consu

Recensioni

Vivo Per Questo – Recensione

9788861909076_0_0_0_75.jpgTitolo: Vivo per questo

Autore: Amir Issaa

Casa Editrice: Chiare lettere

Genere: Biografia

Pagine: 236

Prezzo: 15,00€

Nato e cresciuto a Roma nel quartiere di Torpignattara da padre egiziano e madre italiana, Amir Issa si è avvicinato alla cultura hip hop negli anni novanta, prima come breaker e successivamente come writer nel collettivo romano The Riot Vandals. Nel 2017 ha pubblicato la sua autobiografia “Vivo Per questo”, edito da Chiare lettere.

25024746_1498545153598812_8783355802770472960_n

 


Trama:

Scena prima: Roma. Notte fonda. Un bambino dorme vicino a sua sorella maggiore quando arrivano la polizia e l’ufficiale giudiziario per lo sfratto esecutivo. Lei si chiama Fatima, lui Amir. “Ho dieci anni, stringo il mio fagotto di vestiti e mi vergogno. In strada, di notte. E adesso?” Vivo per questo è un viaggio trascinante in una Babele metropolitana di colori, culture, suoni e voci. È la storia di un bambino e di una famiglia sempre in bilico sull’orlo della legalità. Una storia che parte veloce su una tavola da skate, correndo sui marciapiedi di Tor Pignattara inseguita da negozianti inferociti, con Roberto detto Kyashan e Napoleone, amici inseparabili. Una storia che segue le movenze irresistibili della breakdance con Crash Kid, amico e mito scomparso troppo presto. Una storia che attraversa le scorribande del writing, anima nera della street art: la ricerca di un codice, le crew di quartiere, i tag per riconoscersi e sentire di esistere. Una storia che si carica con l’energia della hip house per poi scivolare nel rap, l’isola del tesoro, il collettivo Rome Zoo e piazzale Flaminio, la casa da abitare, il ritmo da cui farsi travolgere. In una escalation di incontri, esperienze ed emozioni, Amir Issaa ha scritto un libro che non è l’autobiografia rituale di un artista ma è soprattutto un ritratto generazionale. Un romanzo hip hop di iniziazione alla vita con decine di personaggi e una controcultura travolgente: una terra promessa che ha liberato tante adolescenze difficili dalle vertigini del caos.


Opinione personale:

In una quotidianità cosmopolita i confini personali, sociali, culturali e religiosi sono decaduti, ma d’altra parte riemergono in tutta la loro durezza e violenza, come si apprende dai giornali e dai mass media “Vivo per questo” è un appassionato viaggio underground dalla Roma degli anni ’80-90 fino ai giorni nostri.

La storia è narrata prima da un bambino che cresce in un contesto difficile, duro e segnato dall’emarginazione; poi dalla voce di un ragazzo adolescente che s’impegna e s’ingegna per scrollarsi di dosso un’identità non sua ed una vita già inesorabilmente predestinata.  Il giovane Amir, protagonista di questa verità, si avvicina, così, al Writing, alla Street Art, e al Rap. E  riesce, proprio grazie al Rap a trovare la propria identità creativa e a far sentire, finalmente, la sua voce.  Amir-1-10

“Vivo per questo”,  rappresenta il diario di un artista di fama nazionale e internazionale, che avendo trovato una sua dimensione personale, sociale e lavorativa s’impegna in prima persona per aiutare chi si è trovato o chi continua a trovarsi in una situazione analoga alla sua. Amir si impegna soprattutto affinchè si possa superare la mentalità  semplicistica, alle volte violenta e completamente chiusa e refrattaria del popolo italiano, e affinchè si possa arrivare progressivamente all’inclusività  plurale a livello identitario. Ne discende da questo mix un’autobiografia avvincente, capace di stupire, di stordire e di sorprendere il lettore con la sua “poesia cruda”.

 

“Vivo per questo” è un viaggio di parole sulla vita e sulle esperienze del noto  artista “meticcio”. Temi principali di questa autobiografia sono : razzismo, pregiudizio, Ius Soli, Ius Sanguinis. Tutti temi affrontati con coraggio e maestria, utilizzando uno stile semplice ma mai ridondante.

Amir Issaa ha scritto un libro che non è l’autobiografia rituale di un artista ma è soprattutto un ritratto generazionale.

L’autobiografia del rapper è anche un romanzo hip hop di iniziazione alla vita con decine di personaggi e una controcultura travolgente che racconta di un sogno e di una terra promessa che ha liberato tante adolescenze difficili dalle vertigini del caos.

Stile: 7/10

Contenuto: 7/10

Piacevolezza: 7/10

Voto complessivo: 7/10

Buona lettura!

Consu

Recensioni

Dream Hunters. Il Ponte Illusorio – Recensione

DREAMHUNTERS1_CoverWeb.jpgTitolo: Dream Hunters. Il ponte illusorio

Autore: Myriam Benothman

Casa Editrice: Astro Edizioni

Genere: Fantasy

Pagine:  248

Myriam Benothman, italiana nata a Tunisi, è cresciuta a Roma in una famiglia multiculturale.Quadrilingue con il pallino delle sfide, è la più giovane matricola nella storia dell’università “La Sapienza”. Si laurea in Scienze politiche e Relazioni internazionali e intraprende una brillante carriera nel mondo del marketing e della comunicazione, diventando Global Head of Omnichannel Marketing & CRM in Bulgari (Gruppo LVMH).Il nonno Alberto Perrini – premiato autore teatrale, critico letterario e giornalista – la invita a coltivare sin da piccola la passione per la scrittura.Il suo amore per la carta non l’abbandona mai, trovando terreno fertile nella diffusione di fanfiction su internet. Pubblicati sotto pseudonimo, i suoi racconti si ispirano a noti manga giapponesi, trovando un ampio consenso tra le lettrici che la seguono con affetto da anni.

Myriam+Benothman++io


Trama:

Cosa faresti, se scoprissi di poter cambiare il corso delle fiabe?

Sophie ha 17 anni e vive a Parigi con il padre. In apparenza una ragazza come tante, finché non si imbatte in un antico libro di favole ed è vittima di un’allucinazione.

Hanno così inizio i suoi sogni vividi e surreali, ambientati in una dimensione popolata da personaggi incantati. La sua vita si sdoppia su binari paralleli che finiscono per confondersi tra loro, con risvolti inaspettati sul mondo reale.

Integerrimi principe azzurri e ingenue principesse. O quasi. Un amore avventuroso e proibito. Una presenza oscura in cerca di riscatto.

Finalista del Premio Cittadella 2017 per il miglior Fantasy dell’anno, “Il ponte illusorio” è il primo volume della trilogia “Dream Hunters”. Una favola moderna adatta a tutte le età, che trascina il lettore in un sogno a occhi aperti, riportando a galla emozioni dimenticate.


Citazioni preferite:

«Voltò pagina e il suo cuore mancò un battito. Il titolo della prima fiaba era diverso. Un sogno non poteva modificare il corso di una favola e ogni sua traccia scritta, eppure le parole erano lì, sotto i suoi occhi.»

< Dicevi che ci sono tanti modi di raccontare una storia >. Mia madre torna a guardarmi e la sua immagine si fa sfocata. < Non dimenticarlo mai, amore mio>

“Gli stessi occhi che l’avevano fronteggiata quella notte di tre anni prima, animati da un odio feroce. Gli occhi che, per lungo tempo, avevano tormentato ogni suo istante di veglia. Gli occhi azzurri di un principe innamorato della sua mortale nemica.”

“Nessuno sarebbe vissuto felice e contento. Mai più.”


Opinione Personale:

Siamo sempre cresciuti a suon di sogni alimentati dalle fiabe, immaginando principi a cavallo pronti a salvare le proprie principesse e paesaggi fantastici ricchi di animali parlanti. Fino a che punto però quelle stesse fiabe che ci hanno fatto sognare ad occhi aperti e che, adesso, ci regalano una dolce e amara  nostalgia, influenzano il nostro presente?

Myriam Benothman ce lo spiega nel modo più originale possibile, dandoci la possibilità di entrare in prima persona nella gita di Cappuccetto Rosso dalla nonna o nella ricerca del principe della sua Bella addormentata nel bosco. Senza dimenticare streghe malefiche e specchi magici, conosceremo Sophie ed il suo particolarissimo potere, ci addormenteremo con lei per risvegliarci nel mondo in cui tutto è possibile, dove Cenerentola ha la sua fata madrina e i principi rispondono a tono ed hanno capelli neri e penetranti occhi azzurri.

konrad-dielitz-la-bella-addormentata-nel-bosco_a-G-6288264-8880731

Nelle versioni originali delle favole tra il “c’era una volta” e il “vissero felici e contenti” la trama si svolge secondo canoni immutati nell’immaginario collettivo; personaggi primari , antagonisti e prove da superare formano  un intreccio trito e ritrito che culmina immancabilmente nel lieto fine.

Nell’originale e innovativa visione delle favole di Myriam Benothman però ,nulla è come appare e nulla ha la connotazione classica, fiabe note e originalità narrativa si fondono tra loro fino a formare un romanzo sorprendente che rovescia i canoni prestabiliti, rivisita il classico e si trasforma in una lettura all’insegna dell’originalità. Pur mantenendo intatto lo spirito sognante del genere letterario fiabesco,  l’autrice rompe gli schemi e racconta di un mondo magico tra sogno e realtà.

Con grande abilità e stile incalzante, la Benothman arricchisce la trama di citazioni e personaggi delle fiabe note a tutti quali: cappuccetto rosso e la bella addormentata.

Biancaneve1

Il regno magico in cui sono ambientate le vicende e il fascino della Parigi attuale, in cui vive la protagonista, si fondono dando vita ad un romanzo scorrevole, che conquista e appassiona fin dalle prime pagine. Definire questo libro fantasy o romance, sarebbe riduttivo in quanto non restituisce appieno la complessità di un mondo articolato e ben congegnato che rende la fiaba un po’ più reale e la realtà un po’ più fiabesca.

Ho iniziato a leggere Dream Hunters sollecitata da un’estrema curiosità. All’inizio tuttavia ero molto scettica. Innanzitutto poiché trattandosi  di una storia “fiabesca” temevo il solito cliché con i due protagonisti “da fiaba” che si gettano l’uno tra le braccia dell’altro dopo essersi appena conosciuti.

Capitolo dopo capitolo, mi sono ricreduta ed ho divorato l’intero romanzo in pochi giorni.

Dream Hunters è ambientato in un mondo parallelo che risiede nei sogni della protagonista, da lei soltanto accessibile, e apparentemente irreale.

La protagonista è Sophie una giovane diciassettenne parigina determinata, combattiva e altruista che vive con il padre e il fratello maggiore.

Tutto ha inizio a causa, di un antico libro di favole, grazie al quale Sophie inizia ad avere delle visioni in cui un giovane dagli occhi blu sembra riuscire a guardarle fin dentro l’anima e che ha come l’impressione di conoscerla da sempre.

fiabe-650x320.jpg

 

Sophie si ritrova nella fiaba di Cappuccetto Rosso, in cui s’imbatte in uno strano ciondolo opalescente che decide d’indossare e che l’accompagnerà per tutta la durata dell’avventura.

cappuccetto_rosso.jpg

Ben presto scopre che ciò che ha vissuto in sogno ha in qualche modo modificato qualcosa nella sua realtà, nel suo mondo: nella fiaba di Cappuccetto Rosso è cambiato un dettaglio non poco rilevante.

Sophie è confusa. Non ha idea di cosa stia succedendo. Non sa con chi confidarsi e, quando finalmente trova il coraggio di farlo, nessuno le crede. Suo padre e suo fratello sembrano essere molto preoccupati e continuano ad alludere al fatto che il suo comportamento ricordi molto quello della madre. La sua strana avventura  tuttavia rappresenta la prima di una lunga serie di disavventure che vivrà in sogno, tutte ambientate in una fiaba diversa, o così pare…

In occasione del matrimonio di Cenerentola , Sophie s’imbatte nell’affascinante principe Alexander del regno di Anwyn: vent’anni, capelli neri come la notte e occhi azzurri come il mare, sguardo da birbante, sorriso accattivante e dal temperamento forte e deciso, fratello minore di un altro principe e una principessa che diventeranno suoi “amici” in questa nuova e magica avventura.

Sophie non si lascia incantare dal fascino di Alexander . Non mancano i battibecchi tra i due. Ogni consiglio o ordine che lui le da per evitare che si cacci nei guai, sembra sortire l’effetto contrario.

350px-Cinderella_by_Elena_Ringo.jpg

Si scoprirà successivamente che proprio questo suo lato da donna ribelle e combattiva susciterà molto interesse nel giovane principe che sembra nascondere un segreto che va al di là della semplice apparenza…

In bilico tra sogno e realtà, la differenza inizia a diventare sottile come la carta, e Sophie finisce con l’assumere un corpo vero e proprio anche in nel mondo dei sogni, lasciandolo dormiente come in uno stato comatoso ogni qual volta lei si risveglia nel suo mondo, e viceversa.

L’epilogo mi ha travolta come un vero e proprio fiume in piena, in un mix di emozioni che mi hanno fatto desiderare di poter leggere subito il sequel per scoprire quale destino ha serbato l’autrice per Sophie e Alexander.

“Dream Hunters” è una favola moderna che dalle tradizionali prende spunto e le rivoluziona, donando una  nuova veste senza però perdere la magia del tradizionale. Le protagoniste delle nuove fiabe si sono evolute, vestono ancora abiti lunghi ma preferiscono cavalcare all’amazzone e non aspettano il proprio cavaliere, sono abituate a salvarsi da sole e a contare sulle proprie forze. Anche il principe in questione però, non ha niente da invidiare al Florian di Biancaneve o al Filippo di Aurora. Spavaldo, temerario, affascinante ed estremamente irritante .

cinderella-richard-madden-prince-charming-3.jpg

Un inizio di serie degno delle corti più sfarzose, in cui l’unica pecca è il “ C’era una volta” che manca.

Un’eroina che con il potere di cambiare le favole, scopre quanto queste siano ormai radicate nel nostro quotidiano, e quanto di ciò che sogniamo può rivoluzionare la nostra realtà.. Francese anche lei, sembra la Belle del XXI secolo, di giorno alle prese con un mondo moderno fatto di instagram e feste, nel sonno dotata di poteri magici, custode di un regno al quale inconsciamente, è sempre appartenuta. Impavida, disposta a tutto pur di salvare coloro che ama. Lasciatevi trasportare da Sophie in questa magica avventura e, lasciatevi andare ai sogni in cui a tutti è concesso perdersi ancora una volta dentro ad una favola. E se a libro concluso, desidererete chiudere gli occhi ed incontrare il vostro Alexander, allora l’incantesimo ha sortito l’effetto desiderato.

Stile: 8/10

Contenuto: 8/10

Piacevolezza: 8/10

Voto complessivo: 8/10

Buona lettura!

Consu Tiralongo

 

Recensioni

Quel Desiderio Che Sa Di Cielo – Recensione

417Ng6rSfDL._SX347_BO1,204,203,200_.jpgTitolo: Quel desiderio che sa di cielo

Autore: Alessandra Loreti

Casa Editrice: Geeko Editor

Genere: Romanzo

Pagine: 140

Alessandra Loreti è grafica, illustratrice e scrittrice esordiente. Appassionata di life coaching e formazione. Ama tutto ciò che è attinente al mondo dell’arte e della comunicazione. La sua passione artistica l’ha condotta negli anni a formarla in ambiti diversi: si è qualificata come operatrice grafica pubblicitaria al liceo e ha continuato il percorso specializzandosi come graphic designer presso l’Accademia di Arti e Nuove Tecnologie. Successivamente si è  formata come illustratrice presso la Scuola Internazionale di Comics; e, nella stessa scuola, ha frequentato seminari sul pensiero e sulla scrittura creativa e sul mondo del fumetto . Collaborando come grafica presso il Centro Ricerche sulla Visione ha iniziato a realizzare nuovi progetti grafici, finalizzati allo sviluppo di sistemi compensativi per ragazzi con DSA; qui ha conosciuto maggiormente  il mondo della scuola e della didattica, riscoprendo verso l’argomento una grandissima passione. Ed è proprio questa passione che l’ha portata, recentemente, ad intraprendere un nuovo percorso di formazione nell’ambito del life coaching, con un approfondimento sull’intelligenza emotiva, tuttora in corso.

A Novembre 2016 è uscito il suo primo libro “Quel desiderio che sa di cielo”, in versione ebook, autopubblicato. Esattamente un anno dopo, novembre 2017, l’ebook è stato pubblicato con la casa editrice Geeko Editor.

chisono-300x300.jpg


Trama:

Cassandra è una giovane illustratrice, curiosa e sensibile, che decide di intraprendere un percorso di personal coaching per riscoprire se stessa e le sue possibilità: inizia così a scrivere un diario in cui annota con delicata attenzione tutti i dettagli e gli spunti che le sue giornate le offrono. Attraverso le pagine del diario il lettore si immerge nella quotidianità di Cassandra e scopre, a poco a poco, il suo affascinante modo di osservare la realtà, con curiosità e apertura verso gli altri, con semplicità e, allo stesso tempo, profondità, con un pizzico di ansia ma anche tanta voglia di mettersi in gioco e cercare di raggiungere “quel desiderio che sa di cielo”. Giorno dopo giorno, le parole della ragazza dipingono la crescente consapevolezza del suo personale percorso di crescita e di ricerca di spazi di libertà, bellezza e luminosità, nonostante le insicurezze che la confondono.

L’incontro con Marco, un ragazzo misterioso e magnetico, la sconvolge totalmente: attraverso il rapporto che intessono, Cassandra entra in contatto profondo con se stessa ed i suoi sentimenti. Riuscire a sfiorare la parte più nascosta di un’altra persona può mettere in discussione tutto, far vibrare l’anima e mettere di fronte alle proprie paure e alle sfide da affrontare. Cassandra capisce che, nonostante le tristezze e le difficoltà della vita, la forza con cui si crede in un sogno può aiutare a volare e a librarsi al di sopra di tutti i limiti che l’animo umano si impone. Perché l’amore per la vita è un viaggio tormentato che ogni giorno, attraverso ogni dettaglio e ogni possibilità, può condurre verso la felicità.

Una storia vibrante e fresca, accompagnata dalle splendide illustrazioni acquerellate di Chiara Topo, che riproducono i pensieri e i sentimenti della giovane protagonista, con tocco dolce e poetico. Attraverso uno stile empatico e lieve, il lettore si fa trasportare nell’interiorità colorata di Cassandra, ne esplora con leggerezza le emozioni e le inquietudini, riconoscendosi nella sua stessa voglia di vivere, tra paranoie e speranze.

Alessandra Loreti dona un libro che invita a riflettere e ad emozionarsi per le piccole cose di ogni giorno: un viaggio emozionante attraverso i sentimenti e le percezioni più intimi di una ragazza di oggi, con un invito ad amare noi stessi e il mondo che ci circonda, imparando ad accogliere tutte le sfumature che la vita ci offre.


Opinione Personale:

Il romanzo di cui vi parlo oggi è l’esordio letterario di Alessandra Loreti, realizzato in collaborazione con Chiara Topo.

Protagonista di “Quel desiderio che sa di cielo” è Cassandra, giovane donna che conserva un sogno nel cassetto: lavorare per una casa di moda in America.

Il libro è scritto in forma epistolare. Cassandra, reduce dalla rottura con il fidanzato storico, sentendosi depressa, decide di intraprendere un percorso di Life Coaching. Il suo coach, le consiglia infatti di iniziare a scrivere su un diario che, per un anno intero diventa il suo confidente più stretto, che accoglie insicurezze, gioie e dolori.26239623_1760286077611385_4317803808761610358_n.jpg

A poco a poco, Cassandra, scrivendo, lascia che il suo animo si liberi e voli oltre ogni barriera.

Nulla accade per caso, tutto ha un senso, così la vita di Cassandra inizia finalmente a prendere la giusta piega. Il suo percorso sarà difficile ma ne varrà la pena. Ogni pagina contiene in sè amore, dolore e, soprattutto, il desiderio di riuscire un giorno a volare.

 

Nonostante la sua brevità, che non ho apprezzato particolarmente insieme alla scelta dello stile epistolare, il racconto risulta a tratti coinvolgente e scorrevole. Mi ha spinto a riflettere su quanto nella vita sia importante lasciarsi andare e seguire i propri sogni, non preoccupandosi delle conseguenze. Mi ha fatto capire che è fondamentale stare bene con se stessi e volersi bene, ritagliandosi  anche solo dei piccoli momenti da dedicare alle proprie necessità.

nullaccadepercasopreview.jpg

Le tematiche portanti di “Quel Desiderio che sa di cielo” sono: il desiderio di liberarsi della paura di volare verso i propri sogni e a seguire la voglia di libertà, l’amicizia, l’amore e, soprattutto l’approccio alla vita e l’amore per se stessi perché dopo tutto, come la più vecchia delle frasi clichè su “Tumblr”, “La vita è come una fotocamera. Più sorridi, migliore è la foto”.

queldesideriochesadicielo9.jpg

Non sono presenti molte descrizioni dei personaggi all’interno del romanzo, ma le fantastiche illustrazioni, aiutano ad identificare ogni personaggio, a tal punto che, alla fine, riuscirete ad avere l’impressione di poter distinguere Marco o Andrea, nel bar sotto casa.

Non vi sono colpi di scena inaspettati né avvenimenti estremi proprio perché, la vita per essere interessante e degna di essere vissuta non ha bisogno di continui colpi di scena . Sono pagine che portano alla riflessione, dedicate alla comprensione dei propri sentimenti e alla risoluzione della domanda universale che da sempre accompagna l’uomo:  : “ Cos’è la felicità e cosa mi serve per essere davvero felice?”.

Una nota è doverosa per le illustrazioni di Chiara Topo che accompagnano benissimo l’opera. Realizzate in maniera magistrale. Riescono a trasmettere le emozioni che le parole non riescono a raccontare e, rappresentano senza dubbio  uno splendido accompagnamento visivo alla lettura.

Con una scrittura fresca e scorrevole, Alessandra Loreti ci regala un libro alle volte esageratamente dolce.

copertinafacebook5-1080x592.jpg

Sicuramente un romanzo poco impegnativo che lascia un messaggio molto positivo: “Credere sempre in sé stessi e nelle proprie potenzialità”. Lettura consigliata a coloro che si sentono particolarmente giù ed hanno bisogno di una spinta in più.

Stile: 6,5/10

Contenuto: 7/10

Piacevolezza: 6,5/10

Voto complessivo:7/10

Consu Tiralongo

 

 

 

 

 

 

Recensioni

Io Sono La Pioggia- Recensione

corradiniTitolo: Io Sono La Pioggia

Autore: Beatrice Corradini

Casa Editrice: Centuria

Genere: Romanzo di formazione a tema adolescenziale

Pagine: 349

Beatrice Corradini studia Letteratura italiana moderna e contemporanea. Ama tutto ciò che è poesia, vintage, punk, fantascienza e chimica, e quando non è impegnata a scrivere e disegnare è possibile trovarla intrappolata su Skyrim. Sue principali ispirazioni e aspirazioni sono Stefano Benni e Douglas Adams.

IMG_20170227_175058-320x458.png


Trama:

Quando la porta dell’aula si apre e al posto del tuo solito prof di italiano entra un tizio che sembra un vampiro, bello e ironico. Quando te lo ritrovi sul palco di un concerto, tatuato fino al collo, ma sei ubriaca e fai una figura imbarazzante. Quando assieme a una nuova compagna di banco molto punk entri in rotta di collisione con i pessimi individui del centro sociale di estrema destra poco lontano dalla scuola, e cominci a frequentare un po’ troppo le armi da taglio. Be’, allora la quinta liceo diventa interessante. Nel senso di complicata. Nel senso di pericolosa per l’incolumità fisica tua e dei tuoi amici. Ma Andrea, un nome da ragazzo e un’anima da poetessa punk, di fronte a tutto questo non si tira certo indietro: è una ribelle, lo è anche il professor Primo Parisi, e forse il tempo e il luogo in cui si sono incontrati sono proprio quelli giusti per la ribellione. A dispetto di ogni buonsenso, sono quelli giusti anche per l’amore. Che sboccia come i fiori tra le sterpaglie, controvoglia, contromano, tra un’occupazione scolastica che si trasforma in guerriglia e una gita galeotta a Manchester…


Citazioni Preferite:

“Senti quello che sento io, lo so dal primo momento in cui ti sei vista diversa. Perché tu sei diversa, Andrea, anche se ho passato mesi a raccontarmi il contrario e a farti credere che fossi un’ombra fra le tante. Non è così. Nessuno è un’ombra fra le tante”.

“Ci sono sentieri che non bisogna percorrere, mostri che non devono essere sfidati, boschi in cui non ci si deve addentrare senza luce. Primo era quel mostro. E le stava chiedendo di seguirlo dove nessuno era mai arrivato.”


Opinione personale:

Con grande piacere, vi presento l’esordio letterario di Beatrice Corradini : ”Io sono la pioggia” edito da “Centauria”.

Da molto tempo, non trovavo un libro capace di suscitare in me emozioni così forti. Un libro che ho amato dalla prima pagina fino all’ultima.

“Io sono la pioggia” è stato fin troppe volte definito uno young adult, non tenendo conto delle vere tematiche che in realtà tratta il romanzo : “Amore, Adolescenza, Rapporti familiari e amicizia”. Tutti argomenti che per il loro spessore e, per il modo in cui vengono affrontati, rendono il libro qualcosa di più di un semplice young adult, new age. “Io sono la pioggia” va più che altro considerato un romanzo di formazione a tema adolescenziale.

Andrea, la protagonista, è un’adolescente amante della musica Rock, un po’ punk, rivoluzionaria, sognatrice e soprattutto testarda. In sella alla sua Sally, la bicicletta nonchè amica di tutta una vita, va in giro per la città vivendo un’adolescenza all’insegna di amicizie “particolari”, amori che non dovrebbero sbocciare ma che, inesorabilmente nascono, libri e musica. Tenendosi alla larga da tutto ciò che le sue spocchiose compagne di scuola considerano “cool”.  La sua storia, o almeno quella del suo ultimo anno di liceo che cambierà per sempre la sua vita, vi farà emozionare, sorridere e anche disperare.

La Corradini riesce a creare subito empatia tra i protagonisti e il lettore in questo forte legame che si tramuta in una sorta di patto tacito nel quale il lettore promette di “supportare” Beatrice e Primo, e loro si impegnano a non deluderlo.

Primo, personaggio enigmatico con tanti demoni nel suo passato che sembrano voler tornare dal regno degli inferi per trascinarlo all’inferno insieme a loro, dovrà lottare con tutto se stesso per riuscire ad andare avanti e, a non lasciare che il suo passato distrugga il suo futuro.

Professore posato, serio ed anche un po’ severo di giorno, cantante punk-rock di notte. Ed è proprio durante uno dei suoi concerti che Andrea ha la possibilità di conoscerlo davvero. Un sentimento sincero nasce tra i due che lo considerano come una disgrazia, non tanto perché Primo è il professore di Andrea bensì perché proprio il suo migliore amico, Jaco, colui che per anni è stato la sua unica famiglia, finisce per innamorarsi della ragazza che ama.

Per anni Primo non ha lasciato penetrare la corazza che si è costruito, a nessuno a parte Jaco. La presenza di Andrea è una piacevole sorpresa che riesce a fargli riscoprire la gioia di vivere. Il suo passato lo tormenta ancora ma, con l’aiuto di quella ragazza testarda, riuscirà ad andare avanti.

Un amore tormentato ma sincero. Non è il solito amore strappalacrime da romanzetto young adult, è un amore capace di cambiare profondamente i due protagonisti quando, finalmente riusciranno ad accettarlo e ad abbandonarsi totalmente ad esso.

Da contorno alla loro storia d’amore, vi sono i problemi adolescenziali più frequenti quali “La scelta degli amici, l’esclusione, il sentirsi diverso, la ricerca di se stessi, le prime esperienze amorose, i problemi familiari, la famiglia che quasi mai ti comprende e la necessità di trovare un posto nella società e scoprire chi si vuole diventare e cosa si vuole fare per tutta la vita. La paura di deludere chi ti ha messo al mondo e la necessità di seguire le proprie inclinazioni, anche con la consapevolezza di sbagliare, l’importante è non avere rimpianti.”

1920x892-corradini2

Altre tematiche importanti affrontate all’interno di “Io sono la Pioggia” sono: l’amicizia, il passato che ritorna, la necessità di affrontare i problemi e i propri demoni, la capacità e la necessità di perdonare noi stessi per errori già commessi  e la capacità di riuscire a dare a noi stessi un’altra opportunità, che forse la meritiamo più di chiunque altro.

L’epilogo vi sorprenderà e vi farà scoppiare il cuore di gioia. Non vi anticipo nulla, vi dico semplicemente che è un finale aperto ovvero che dà la possibilità al lettore stesso di immaginare come si è svolta davvero la storia. Forse questo è l’unico difetto del libro in quanto avrei preferito che fosse la scrittrice a dare una fine a questa storia e a questi protagonisti ai quali mi sono davvero affezzionata .

Dopo averci pensato e ripensato, mi sono convinta che forse è stato meglio così in quanto alle volte il finale immaginato e desiderato dal lettore è meglio di qualsiasi cosa possa scrivere l’autore stesso in quanto i personaggi sono un po’ come figli che, nel momento in cui raccontano le proprie storie diventano un po’ più del lettore e, sempre meno di chi li ha ideati e dato loro la vita. Il lettore riesce ad affezzionarsi a loro ancora più dell’autore e, non riesce più a lasciarli andare. Questo è ciò che è successo a me e vi auguro vivamente le stesse emozioni.

“Io sono la pioggia” può essere amato o odiato, non ci sono vie di mezzo. Avrete ormai capito, che io mi sono follemente innamorata di Andrea, Primo, Jaco e Dana (Di cui non vi ho parlato per non rovinare il finale) e, delle loro storie.

Con uno stile semplice ma d’effetto, Beatrice Corradini ci porta all’interno della vita di Andrea, Primo e tutti i loro amici, raccontandoci anche un po’ della sua vita e del suo vissuto. Con semplicità si insinua nel panorama letterario con un esordio di gran effetto e, soprattutto, meritevolissimo.

Aspetto con ansia un seguito delle avventure di Andrea, ma, se non dovesse arrivare, conservo nel mio cuore questa ragazza stravagante e il suo professore/cantante punk-rock e amante dei classici per i quali ho immaginato un finale tutto mio. E voi?

Stile: 8/10

Contenuto: 8/10

Piacevolezza: 8/10

Voto complessivo: 8/10

Buona lettura!

Consu Tiralongo

Recensioni

Quando Gli Angeli Meritano di Morire- Recensione

quando-gli-angeli-meritano-di-morireTitolo: Quando Gli Angeli Meritano di Morire

Autrice: Veronica Tomasiello

Casa Editrice: La Caravella Editrice

Genere: Romanzo Fantasy

Pagine: 378

Veronica Tomasiello si fa chiamare “Nica” ed è un’eremita new age, come il suo Gabriele. Dopo un periodo di intensa meditazione al liceo classico, da cui ha avuto origine il suo primo romanzo. Ha deciso di costruire il proprio eremo ufficiale in Inghilterra dove studia Creative and Media Writing all’università di Portsmouth. Al momento sta scrivendo due serie di fumetti e un nuovo romanzo :”Story”, questa volta in inglese, disponibile sulla piattaforma online Wattpad. Sogna di diventare sceneggiatrice per il cinema o di lavorare per la Marvel Comics, o anche entrambe le cose.

photo


Trama:

“Time is running out” dei Muse palpita impetuosa nella stanza di Gabriele mentre è impegnato a condurre la sua vita di sempre, ignaro del mondo invisibile che lo attende. Non sa ancora di essere ricercato da due fazioni angeliche in lotta da più di mezzo secolo, sulla Terra e in Paradiso, e sarà presto travolto da una sequela fatale di eventi, prendendo parte al conflitto inestinguibile tra bene e male. Pagine intense in cui il protagonista perde dolorosamente pezzi della sua esistenza umana per vestire la sua nuova identità, unica e mai vista tra angeli, demoni e uomini. La fantasia smisurata si impossessa della realtà e la voce giovane e appassionata dell’autrice rende l’urban fantasy prepotentemente coinvolgente.


Opinione Personale:

Quando gli angeli meritano di morire” è l’esordio letterario della giovanissima Veronica Tomasiello, edito da “ La Caravella Editrice”. Il protagonista del romanzo è il giovane Gabriele(Gabe), ragazzino Nerd amante dei manga che vive la sua vita quotidiana insieme alla madre e al migliore amico Claudio che tenta sempre di farlo vivere con i piedi per terra.

Gabriele è ignaro di ciò che sta per capitargli. Non ha idea che la sua vita sta per cambiare radicalmente e in maniera irreversibile. Gabe non sa di essere ricercato da due fazioni angeliche che sono in lotta tra loro da mezzo secolo, sulla terra e in paradiso. I suoi sogni strampalati abitati per lo più da demoni ed angeli, diventeranno la sua quotidianità oramai trasformatasi nel peggiore dei suoi incubi.

La sua esistenza viene presto travolta da una serie di eventi che lo allontaneranno sempre di più dalla sua vita umana e dai suoi affetti e lo porteranno, inesorabilmente, a prendere parte al secolare conflitto tra bene e male. Chi vincerà? Se siete curiosi di scoprirlo, Gabriele vi aspetta in tutte le migliori librerie.  Lo stile dell’autrice è fluido e mai noioso e ridondante. Le descrizioni dei personaggi sono eccellenti e gli eventi narrati sono ben descritti e servono da base ad una trama ben strutturata.

Dotata di una fantasia smisurata, Veronica Tomasiello esordisce nel mondo della letteratura urban fantasy in modo abbastanza promettente, con uno stile impaccabile ed una storia capace di incuriosire il lettore dalla prima all’ultima pagina.

Consiglio vivamente la lettura di “Quando gli angeli meritano di morire” a tutti gli appassionati del genere Fantasy.

Stile: 7/10

Contenuto7/10

Piacevolezza: 7/10

Voto complessivo: 7/10.

Consu Tiralongo